Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2018

SPORT, RECOVERY AND AUTONOMIC SYSTEM

Immagine
Our organism is regulated by an involuntary system, defined autonomous, which has the task of managing the fundamental functions of the human body in order to maintain a balance, which is called homeostasis. Any stimulus coming from the external environment can "destroy" this balance. The task of the autonomic nervous system is to restore it, to allow us to survive. Defining a field, or that of sport and if we want well-being, we find ourselves arguing with the same principles as above. The concept repeated several times in previous articles is of a disarming simplicity, that is, trained, recovers, trained, recovers ... competes, performs, repeats. The cycle is simple (I refer you to this article on functional hierarchies, to deepen the topic). Unfortunately for us we can not escape from these concepts or become our friends, or we are destined to take tortuous roads and where the injury or a poor performance, waiting around the corner! When we train a lot of systems go into …

SPORT, RECUPERO E SISTEMA AUTONOMO

Immagine
Il Nostro organismo è regolato da un sistema involontario, definito autonomo, che ha il compito di gestire le funzioni fondamentali del corpo umano al fine di mantenere un equilibrio, che viene definito omeostasi.
Qualsiasi stimolo, proveniente dall'ambiente esterno, può "distruggere" questo equilibrio. Compito del sistema nervoso autonomo, è quello di ripristinarlo, per permetterci la sopravvivenza.  Definendo un ambito, ovvero quello dello sport e se vogliamo del benessere, ci ritroviamo ad argomentare con gli stessi principi di cui sopra.
Il concetto ripetuto più volte negli articoli precedenti è di una semplicità disarmante, ovvero, allenati, recupera, allenati, recupera...gareggia, performa, ripeti. Il ciclo è semplice (vi rimando a questo articolo sulle gerarchie funzionali, per approfondire l'argomento).
Purtroppo per Noi non possiamo fuggire da questi concetti o diventano Nostri amici, oppure siamo destinati ad intraprendere strade tortuose e dove l'infor…

PIEDE DEBOLE.

Una delle disfunzioni più comuni che disturbano notevolmente il sistema nervoso, nella sua organizzazione della postura eretta è il cosiddetto piede debole. Piede e caviglia, questa oggetto spesso di ripetute distorsioni e traumi, può generare nel tempo adattamenti che possono determinare effetti anche a distanza (spalla più alta, tensione cervicale, difficoltà di mobilità, dolore alla bassa schiena, spesso in zona sacroiliaca). Nel Nostro programma di prevenzione e prestazione, indirizziamo l'attenzione verso esercizi specifici che permettono di annullare gli effetti di tale disfunzione. Quando vedete un atleta infortunarsi spesso, chiedetevi quale potrebbe essere il suo piede debole!

BUON NATALE E BUONE FESTE!

Immagine
Tanti Auguri di Buon Natale e Buone Feste, nel ricordarvi che le attività riprenderanno Lunedì 7 gennaio 2019, con numerose novità per quanto concerne il Riequilibrio Posturale e Muscolare, il Blog ed i Workshop.
Le Nostre sedi ufficiali sono Il Punto di Equilibrio, nei pressi di P.zza Municipio e lo Stadio San Paolo, con lo spazio messo a disposizione da parte della ASD ITACA.
Sarà possibile prenotare anche sedute di Preparazione Atletica, Osteopatia, Fisioterapia e consulenze Gnatologiche (occlusione e postura), Nutrizionali, con diversi professionisti che oramai fanno parte del mio network da diversi anni.




PSICHE E CORPO - VEGETATIVE TRAINING ®™

Immagine
Corpo e psiche si influenzano a vicenda, è l'assunto di base della psicoterapia corporea.

Questo aiuta le persone che hanno dolore. Distenditi sulla schiena, piega le gambe e respira. Non è molto più che, il norvegese Inge-Jarl Clausen, fa con i suoi clienti. Ma giurano su di lui e sul suo metodo. Il 59enne offre la cosiddetta formazione vegetativa, che risale agli insegnamenti della psicoterapia orientata al corpo dell'Austriaco Wilhelm Reich. Reich è tutt'altro che indiscusso. L'ex studente di Freud ha fondato la vegetoterapia negli anni '30 come ulteriore sviluppo della psicoanalisi. Invece di concentrarsi solo sulla dimensione psichica dell'uomo, la vegetoterapia coinvolge il corpo. Per Reich, gli aspetti fisici hanno svolto un ruolo importante nella soppressione dei sentimenti.


Vegetative Training ®™



Clausen ha imparato il metodo in Norvegia, dove Reich era fuggito dai nazisti negli anni '30 prima di emigrare negli Stati Uniti. Quello era prima della sua …

SEDUTE DI GINNASTICA POSTURALE

Immagine
Presso lo Stadio San Paolo, in associazione con la Itaca, Il Ritorno allo Sport, è possibile effettuare sessioni di Riequilibrio Muscolare e Posturale, ovvero tecnica Mezieres per lo Sport (EPM), Iso Extreme da Scuola Americana (EvoSport Ultrafit), riequilibrio della colonna vertebrale, area pelvica, bacino, spalle e diaframma e sistema neurovegetativo attraverso la respirazione con il Vegetative Training (Metodo Inge-Jarl Clausen) e tecnica dei blocchi. Il primo incontro conoscitivo e di valutazione è gratuito.






MY EXPERIENCE WITH VEGETATIVE TRAINING ®™ AND INGE-JARL CLAUSEN

My experience with Inge, regarding the Vegetative Training has been nothing short of amazing. Inge is an extremely helpful person and has an experience that goes beyond the simple "sport and performance" approach. The interest in his system has deep roots, which arise from my interest in neurophysiology and the phylogeny of the nervous system, which allowed me to appreciate it in its entirety.
The first approach was to become familiar with the basic posture, from lying down, bent legs. From then on a world opened up. That of breathing accompanied by specific movements, which help open the pelvic area, the sacroiliac (pelvis), the vertebral column in all its movements, the shoulders, the thoracic cage. After 35 minutes I was really tired but concentrated, light, centered on myself.
I stayed at the hotel for about 3 hours, then I repeated a second session in the afternoon. In total I made six sessions, led by Inge, which allowed me to unload a huge muscle tension and also emot…

LA MIA ESPERIENZA CON IL VEGETATIVE TRAINING ®™ E INGE-JARL CLAUSEN

La mia esperienza con Inge, per quanto riguarda il Vegetative Training è stata a dir poco sorprendente. Inge è una persona estremamente disponibile e ha una esperienza che va oltre il semplice approccio "sport e prestazione". 
L'interesse verso il suo sistema ha delle radici profonde, che nascono dal mio interesse verso la neurofisiologia e la filogenesi del sistema nervoso, ciò mi hanno permesso di apprezzarlo nella sua totalità.
Il primo approccio è stato prendere confidenza con la postura di base, da distesi, gambe piegate. Da lì in poi si è aperto un mondo. Quello della respirazione accompagnata da specifici movimenti, che aiutano ad aprire l'area pelvica, la sacroiliaca (bacino), la colonna vertebrale in tutti i suoi movimenti, le spalle, la gabbia toracia. Dopo 35 minuti ero veramente stanco ma concentrato, leggero, centrato su me stesso.
In albergo ho dormito per circa 3 ore, per poi ripetere una seconda sessione nel pomeriggio. In totale ho effettuato sei sedute…

RIEQUILIBRIO POSTURALE E MUSCOLARE

L’ Allenamento Fisico, sia per quanto riguarda il Benessere che la Prestazione Sportiva, passa inevitabilmente attraverso un concetto fondamentale, ovvero quello delle simmetrie e dell’equilibrio posturale. Essere fuori bilanciamento, avere specifiche debolezze muscolari, può nel tempo determinare infortuni, paramorfismi o problematiche muscolo-scheletriche. Prevenire, “Allenare la Postura”, è possibile. Troppo spesso ci concentriamo unicamente sul potenziamento muscolare, ma dedichiamo poco tempo o addirittura nulla al concetto di recupero o semplicemente di ri-equilibrio.
Effettuare sessioni di allenamento personalizzato, dove si utilizzano tecniche di attivazione muscolare, si cura la flessibilità, specialmente sul piano saggittale e si rinforzano alcuni importanti muscoli stabilizzatori, è la formula perfetta per creare quelle importanti fondamenta che ci accompagneranno tutti i giorni, indipendentemente dal nostro obiettivo, età, stato di forma. Sono previsti specifici piani di allena…

VEGETATIVE TRAINING ®™ (English Version)

Immagine
The Vegetative Training ®™ is a particular training, which through breathing, associated with the movement of the vertebral column and pelvic area, determines a series of cascade effects.
First of all, the harmonization and rebalancing, through spontaneous, involuntary movements of muscular tension, with very profound benefits, both on the posture and on the vitality of the subject. This breathing and movement reactivates the autonomic nervous system, with “unpredictable” benefits.
Our autonomous system controls the internal organs, temperature, respiration, muscular tension, hormones (adrenal glands, thyroid, pancreas), the reproductive area and involuntary emotional responses (anxiety, panic, suffocation, fear …).
The Vegetative Training ®™ stems from a 60-year-old heritage in Norway and subsequently adapted by Inge Jarl Clausen. In Italy I am the only representative of his school. Others few in the world.
The technique is performed by lying down in a “basic” respiratory position. It ha…

VEGETATIVE TRAINING ®™

Immagine
Il Vegetative Training ®™ è un particolare allenamento, che attraverso la respirazione, associata al movimento della colonna vertebrale e dell’area pelvica, determina una serie di effetti a cascata. In primis, l’armonizzazione ed il riequilibrio, attraverso movimenti spontanei, involontari, delle tensioni muscolari, con benefici molto profondi, sia sulla postura sia sulla vitalità del soggetto. Tale respirazione e movimento riattiva il sistema nervoso autonomo, con benefici “non prevedibili”. Il Nostro sistema autonomo, controlla gli organi interni, la temperatura, la respirazione, le tensioni muscolari, gli ormoni (ghiandole surrenali, tiroide, pancreas), l’area riproduttiva e le risposte emotive involontarie (ansia, panico, senso di soffocamento, paura…). Il Vegetative Training ®™ nasce da una ereditá storica di 60 anni, in Norvegia e adattato successivamente da Inge Jarl Clausen. In Italia sono l’unico rappresentante della sua scuola. Altri pochi nel mondo. La tecnica, si effettua da d…

STRETCHING MANDIBOLARE

Si sente parlare molto di stretching, in tutte le salse, ma pochi parlano di stretching applicato alla mandibola. Ho avuto il piacere di conoscere questa modalità di lavoro, grazie al Dott. Daniele Tonlorenzi, gnatologo. Lo stretching mandibolare viene effettuato utilizzando uno specifico strumento, ma può essere altrettanto efficacemente realizzato manualmente, anche in modi differenti che ho sperimentato nel tempo. Qualcuno dirà, a cosa serve? Praticamente è un mezzo poco conosciuto per stimolare il riflesso trigemino-cardiaco, vago mediato, che determina alcuni effetti interessanti, tra i quali: abbassamento della pressione sanguigna e della  frequenza cardiaca, aumento della quantità di sangue che arriva alla corteccia cerebrale del 30%, abbassamento della pressione endocranica media del 20%, analgesia e rilassamento muscolare. In ambito sportivo significa avere un mezzo utile per il recupero post-allenamento, a costo zero, che sfrutta la neurofisiologia. I risultati spesso sono sorp…

POSTURA, ECCESSIVA SEMPLIFICAZIONE DI UN SISTEMA PIU’ AMPIO?

Qualcuno forse storcerà il naso, perchè il modello più diffuso e su cui ci sono diversi studi, ebm (evidence based medicine), ricerche individuali, autori e tutto ciò che volete buttare dentro il calderone del mondo postura, è quello basato sul sistema nervoso e le regolazioni da parte dei recettori posturali.
Per intenderci, occhi, bocca, piedi, muscoli, articolazioni, sistema vestibolare, miofascia. Ovvero, gran parte degli squilibri possono derivare da una malocclusione, da un appoggio podalico non corretto, da un difetto di convergenza visiva, oppure da una postura antalgica, ovvero quella posizione che ci impone il Nostro sistema nervoso per scappare dal dolore o da un vecchio trauma. Esempio classico, ho un ginocchio infortunato, carico maggiormente dall’altro lato. Da un po’ di tempo anche gli aspetti viscerali, per un usare un termine osteopatico, e nutrizionali, sono entrati nell’area di interesse del mondo della postura. Quindi, in sintesi, il sistema nervoso si adatta a tutta…

PROGRAMMI PERSONALIZZATI PER LO SPORT E LA PERFORMANCE

La praticità di un programma e di una consulenza nello sport è permettere a chi ne usufruisce di poter lavorare in maniera autonoma e senza essere dipendente dal trainer, consulente o come volete chiamarlo.
Oggi la tecnologia ci offre numerose alternative all’incontro diretto (premesso che la fase iniziale avvenga ovviamente dal vivo), due delle quali estremamente proficue, ovvero le video-chiamate (p.e. skype) e le foto/video riprese, che possono essere utilizzate in modo differente.
Il lavoro proposto terrà conto di diversi aspetti che influenzano la nostra prestazione, dall’uso adeguato delle calzature, oppure se la racchetta da tennis che utilizziamo disturba il sistema propriocettivo, se la respirazione è efficiente (no, la respirazione addominale è esclusa dal programma), se le tre aree principali di squilibrio posturale disturbano il sistema nervoso, se il sistema pelvico è in equilibrio e poi specifiche autoposture da effettuare per armonizzare le catene principali.
In realtà, ba…

OCCLUSIONE E POSTURA

Immagine
Intervista presso Il punto d’equilibrio della Dott.ssa Parlati, sull’utilizzo di #teethan in ambito posturale e posturometrico.

EQUILIBRIO POSTURALE

In un piccolo articolo, qualche settimana fa, evidenziavo la necessità di porre l’attenzione su diversi aspetti che potevamo riferire ad una sorta di gerarchia dell’organizzazione dell’allenamento. Partendo da processi basilari, quali riposo, alimentazione, recupero, integrazione, postura, come mezzi di prevenzione e gestione dell’Atleta, al fine di proteggere la sua capacità di performance.
Quindi un ritorno a concetti di base, spesso dimenticati, in virtù di trend dettati dal marketing e dal business, che spesso colpisce maggiormente i professionisti del settore.
Alcune idee molto diffuse che riguardano la postura e l’equilibrio posturale, sono proposti con elastici, swiss-ball, tavolette propriocettive, esercizi monopodalici, su sabbia, scalzi, sulle punte, attivando i glutei, stimolando punti magici sul corpo, l’infame ginnastica posturale, panche varie ed infine la creatività, ovunque possa portarci.

Questo ci pone davanti ad alcuni interrogativi, il primo, facendo questi esercizi e…

PREVENZIONE

Immagine
Uno degli aspetti con il quale mi trovo spesso a combattere, con Atleti e Genitori, è l’organizzazione delle gerarchie nell’allenamento, specialmente quando si tratta di giovani atleti con ambizioni professionistiche. Il modello attuale prevede un approccio del tutto insensato. Lasciatemi spiegare il perchè.
Nella logica comune, l’Atleta si allena, performa, recupera, e ripete il ciclo all’infinito. Quando ha qualche problema le alternative sono due. Primo, continua ad allenarsi, fino a quando può, poi si ferma. Secondo, comincia a fare sporadiche sedute di fisioterapia o trattamenti di svariato tipo, per gestire un problema fisico.
Ad un certo punto prosegue senza particolari problemi, oppure si ferma del tutto perchè il sintomo si è cronicizzato e non gli permette di allenarsi con continuità. Ora possono accadere due cose. Si riposa, il dolore si affievolisce, riprende ad allenarsi, riesce per un paio di giorni, poi si ferma del tutto nuovamente. Ripete questo ciclo fino a quando il do…

BENVENUTI

Dopo diverso tempo, tra pigrizia e impegni, ritorno online con un blog dedicato allo sport, alla prestazione e tutto quello che ruota intorno a questo mondo. Dall’allenamento, alla postura, al recupero.  Cercherò di coinvolgere più Professionisti, tutti selezionati, che potranno in un certo qual modo portare la loro esperienza e conoscenza, senza fronzoli.
Mi occuperò della parte che mi compete, ovvero di quella che potremmo definire “Riequilibrio Posturale e Muscolare”, con proposte tecniche diverse da ciò che è il marketing dei millennials mostra su youtube o instagram, ovvero una rivisitazione e semplificazione di teorie e concetti di cui si discuteva in certi ambienti 20 anni fa e riproposti, oggi, come innovativi.
Passione, esperienza e divertimento ci guideranno. Buona lettura!