Denti e stabilità posturale

La stabilometria ci permette di evidenziare e ancor più importante, misurare e quindi oggettivare, qualsiasi interferenza senso-motoria che può determinare un disturbo nel sistema tonico-posturale. Il caso che segue, fa riferimento ad una persona in cura odontoiatrica, con una condizione occlusale disfunzionale, con diversi elementi mancanti e lavori provvisori. 
L'esame bipodalico mette in comparazione la condizione ad arcate svincolate ed in massima intercuspidazione, senza compenso visivo.


L'instabilità che si evidenzia già in condizione di riposo (blu) è elevata, non appena il soggetto va in massima intercuspidazione (verde), l'interferenza di amplifica.


Post più popolari