sabato 7 gennaio 2017

Gamba Corta? Reale o Falsa?

Una delle frasi più comuni che ascoltiamo durante il Nostro lavoro di consulenza Posturometrica e Posturale riguarda la gamba corta.

"Buongiorno...ho una gamba corta", "...mio figlio ha una gamba corta", "...lo so...il mio osteopata mi ha detto che ho uno squilibrio del bacino ed una gamba corta", "ho fatto una radiografia e risulta che ho una gamba corta".

Ad oggi, ogni volta che una persona arriva in studio, l'argomento è sempre spinoso e suscita perplessità. Molti credono che sia una malattia invalidante, altri come un qualcosa a cui dare poco peso, rilevanza.
Da chiarire che la radiografia non è un'esame sempre attendibile, specialmente per questioni di prospettiva e di posizionamento.

La gamba corta reale va valutata attentamente, poichè necessita di un compenso, ma la domanda successiva riguarda la necessità di modificare una postura cronicizzata in assenza di sintomi, specialmente in persone che hanno ormai superato una certa età e la postura è ben compensata.

L'esame Posturometrico può essere di aiuto perchè ci permette di vedere oggettivamente, come reagisce il corpo ad uno stimolo esterno (rialzo mono-laterale). Specifici test posturali, possono dare gli stessi risultati, valutando le simmetrie corporee, ovvero rotazioni, variazioni del tono muscolare e della lunghezza degli arti.

L'unica soluzione per una vera gamba corta è un rialzo monolaterale.
Per la gamba corta falsa o definita funzionale, vanno valutati attentamente i recettori posturali (occhi, bocca, piedi) ed il sistema viscerale. Un approccio ortopedico, posturale ed osteopatico, possono essere di grande aiuto.