lunedì 16 ottobre 2017

I DENTI POSSONO CONDIZIONARE LA COLONNA VERTEBRALE

Dr. Gian Mario Esposito

I denti possono condizionare la colonna vertebrale

Pubblicato su Salutenatura, anno 1, n°4, giugno 1989

In questo articolo vengono analizzati ulteriori aspetti e relazioni tra denti e colonna vertebrale che possono in alcuni casi influire sul sistema nervoso e quindi sul corpo intero del paziente.

La chiropratica una scienza che utilizza le capacità di recupero specifiche del corpo e le correlazioni esistenti tra strutture muscolo-scheletriche e funzioni corporee per ritrovare e mantenere la salute.

In particolare l'attenzione del chiropratico è rivolta alla colonna vertebrale perchè se questa è in equilibrio (quindi salute) tutto il corpo ne riceverà beneficio. Infatti nella colonna vertebrale è contenuto il midollo spinale, parte integrante del sistema nervoso centrale, il cui funzionamento è ottimale solo se le vertebre sono ben distanziate e normalmente allineate secondo le curvature fisiologiche. Dunque, colonna vertebrale in equilibrio / sistema nervoso ben funzionante / funzioni corporee normali /, corpo in buona salute.

L’obiettivo del chiropratico è ristabilire l’equilibrio funzionale della colonna vertebrale mediante opportune manipolazioni delle vertebre stesse oppure dei muscoli e/o delle articolazioni collegate con la colonna.

Negli ultimi anni è stato osservato che i problemi disfunzionali a carico dei piedi e dei denti possono creare e mantenere gravi disturbi a carico della colonna vertebrale. Il dott. J.P. Meersseman e la sua equipe di chiropratici ed osteopati sono oggi i principali sostenitori della nuova teoria secondo la quale questi problemi di occlusione (cioè combaciamento dentario), quando creano disequilibrio della colonna, sono da curare subito, prima di qualunque manipolazione.

Si verifica perciò questa duplice responsabilità : il chiropratico o l’ortopedico che prende in cura un paziente per problemi della colonna vertebrale (dolori al collo, alle spalle, alla schiena, alle gambe, ecc.) deve imparare a conoscere la patologia dell’apparato masticatorio e capire se nel paziente in esame gli eventuali problemi di questo tipo sono in grado di creare i dolori che il paziente riferisce. D’altro canto anche il dentista d’ora in poi dovrà imparare a valutare i problemi posturali del paziente (cioè l’equilibrio generale del corpo) perchè ha la possibilità , correggendo i difetti dentari, di curare una serie imponente di problemi legati alla colonna vertebrale.

Ancora più importante è un’altro fatto da considerare: il dentista è colui che con errore anche piccolo come una sola otturazione un po’ più alta del necessario
può provocare una serie di reazioni muscolari a catena che vanno a scapito della salute della colonna, quindi del sistema nervoso, quindi del corpo intero del paziente.

Vediamo di capire questo incredibile meccanismo: il dente più alto degli altri rappresenta un contatto prematuro, cioè nell’ultima fase della chiusura della bocca, quando i denti dovrebbero entrare in contatto tutti assieme, abbiamo un dente che tocca prima degli altri. Spesso questa fastidiosa sensazione viene subito percepita dal paziente perchè la sensibilità dei recettori di pressione che si trovano nel parodonto (manicotto ammortizzatore che collega la radice del dente all’osso alveolare) è elevatissima, dell’ordine di pochi milionesimi di millimetro. Il guaio è che dopo qualche giorno ci si abitua a questo precontatto dentale fino a non sentirne più la fastidiosa presenza. Questo apparente benessere diviene in realtà una vera fonte di guai, perchè spesso capita che il corpo per difendersi dal noioso disturbo mette in atto dei meccanismi per evitarlo.

Uno di questi è spostare leggermente la mandibola in modo da non sentire più il dente più alto: è logico che l’intero ingranaggio dentale viene alterato perchè non vi sarà più un dente che tocca come prima, però per il corpo l’importante è che tocchino tutti assieme per non sentire dolore a quello incriminato. Per mettere in atto questo meccanismo di difesa bisogna contrarre i muscoli masticatori in maniera anormale; cioè mentre normalmente chiudendo la bocca i muscoli lavorano tutti assieme con armonia ed equilibrio, in presenza di un precontatto dentale qualche muscolo dovrà contrarsi di più (spasmo e quindi dolore alla testa) e qualche altro di meno in modo da deviare la traiettoria della mandibola.

Ora succede che in rapporto all’entità del problema dentale ed alla sensibilità dell’individuo, per questo squilibrio della muscolatura masticatoria si crea squilibrio anche nei muscoli del collo, cioè quelli che tengono dritta la testa, perchè la mandibola si trova inserita nel sistema osseo e muscolare che determina la posizione della testa rispetto alle spalle

Allora si avrà che una spalla è leggermente più alta dell’altra (spasmo muscolare quindi dolore al collo) e quindi anche la muscolatura del tronco sarà coinvolta provocando delle curve scoliotiche (fig. 3) nella colonna vertebrale (mal di schiena) e di conseguenza una piccola rotazione del bacino per cui un’anca sarà leggermente più alta dell’altra e quindi anche la gamba corrispondente leggermente più corta dell’altra.

Pur di stare in piedi il corpo dovrà a questo punto contrarre diversamente i muscoli delle natiche e delle cosce (sciatica) e delle gambe (dolore ad un ginocchio oppure ad un piede) ed il risultato sarà effettivamente quello di non sentire più il male al dente ma con delle conseguenze a dir poco disastrose per il resto del corpo .

Il dentista dovrà perciò cominciare ad analizzare i problemi dentali in rapporto all’equilibrio intero del corpo osservando il paziente dietro un filo a piombo e interrogandolo in merito alla presenza di dolori a carico dell’apparato posturale.

Se il corpo del soggetto in esame è in asse (fig. 5) con il filo e non vi sono dolori sospetti, il dentista può procedere tranquillamente a trattare i denti del paziente secondo le normali procedure odontoiatriche perchè in questo caso i problemi dentali non sono in grado di provocare squilibri alla colonna vertebrale. In caso contrario (fig. 4), cioè corpo non in asse e presenza di dolori come quelli sopra citati, è doveroso accertare l’esistenza o meno di una correlazione perchè in caso positivo, mediante un’opportuna terapia odontoiatrica, si possono curare in maniera efficace i dolori presenti.

fonte:https://www.facebook.com/kinesioacademypalermo

venerdì 13 ottobre 2017

La Postura va misurata in modo oggettivo. Qualsiasi stimolo nuovo che diamo al Nostro corpo, che sia un bite, dei plantari, degli integratori o un lavoro ortodontico, questo può determinare una cambiamento del Nostro assetto posturale. 


lunedì 18 settembre 2017

Citazioni: Jose Palomar Lever MD

Most of the neuromuscular dysfunction we are trying to correct in consultation is not the result of some lesion or aberrant function inherent to the muscle under consideration.  The real problem is that the central nervous system has come to a bad solution based on the proprioceptive information it has received.  If we can find a way to demonstrate to the central nervous system the nature of its error, the central nervous system will instantly modify the neuromuscular responses.

- Jose Palomar


La maggior parte delle disfunzioni neuromuscolari che stiamo cercando di correggere in consultazione non è il risultato di una qualche lesione o funzione aberrante inerente al muscolo in esame. Il vero problema è che il sistema nervoso centrale è giunto ad una cattiva soluzione basata sulle informazioni propriocettive che ha ricevuto. Se possiamo trovare un modo per dimostrare al sistema nervoso centrale la natura del suo errore, il sistema nervoso centrale modificherà istantaneamente le risposte neuromuscolari. 

- Jose Palomar

venerdì 1 settembre 2017

Nuova Sede e Ripresa attività.

Dal 4 settembre, lo studio sarà trasferito in una nuova sede, sempre al Vomero, per potenziare la collaborazione con altri Professionisti.
L'indirizzo è Via Mosca, 41.
Lo studio, per ovvi motivi organizzativi, aprirà al pubblico dal 18 settembre.

Per qualsiasi informazione non esitate a contattarmi.


sabato 5 agosto 2017

Ho vissuto 3 giorni da cacciatore-raccoglitore...


Ho vissuto 3 giorni da cacciatore-raccoglitore per vedere cosa succedeva alla mia flora intestinale


Tim Spector* e Jeff Leach**, The Conversation

Ci sono sempre più dati che dimostrano che più è ricca e diversificata è la comunità di microbi nel vostro intestino, più si riduce il rischio di malattie. Una dieta varia è fondamentale per mantenere la diversità ed è stato sorprendentemente dimostrato quando uno studente universitario ha fatto una dieta a base di cibo di McDonald per dieci giorni e dopo soli quattro giorni ha sperimentato una significativa diminuzione del numero di microbi benefici.


Risultati simili sono stati ottenuti in un certo numero di studi più ampi sull’uomo e sugli animali.


Il microbioma è una vasta comunità di milioni di miliardi di batteri che ha un’influenza importante sul metabolismo, sul sistema immunitario e sull’umore. Questi batteri e funghi abitano ogni angolo e fenditura del vostro tratto gastrointestinale, con la maggior parte di questo “organo microbico” di 1-2 kg situato nel vostro colon (il pezzo principale del vostro intestino).

Tendiamo a vedere i più grandi cambiamenti legati alla dieta nei microbi delle persone poco sane, con un microbioma instabile a bassa diversità. Quello che non sappiamo è se un microbioma intestinale sano e stabile possa essere migliorato in soli pochi giorni. La possibilità di verificare questa ipotesi in modo insolito è arrivata quando il mio collega Jeff Leach mi ha invitato a partecipare ad un viaggio in un campo in Tanzania, dove lui ha vissuto e lavorato tra gli Hadza, uno degli ultimi gruppi di cacciatori-raccoglitori rimasti in tutta l’Africa.

Alcuni Hadza. Jeff Leach

Il mio microbioma è piuttosto sano oggi e, tra i primi 100 campioni che abbiamo testato come parte del progetto MapMyGut, ho avuto la migliore diversità di batteri – la nostra migliore misura globale della salute dell’intestino, riflettendo il numero e la ricchezza di diverse specie. L’alta diversità è associata ad un basso rischio di obesità e di molte malattie. Gli Hadza hanno una diversità tra le più ricche del pianeta.

Il piano di ricerca è stato ideato da Jeff che ha suggerito di trascorrere una intensa tre giorni mangiando come un cacciatore-raccoglitore durante il mio soggiorno nel suo campo di ricerca. Avrei misurato i miei microbi intestinali prima di andare in Tanzania, durante il mio soggiorno con gli Hadza e dopo il mio ritorno in Gran Bretagna.

Non mi era permesso di lavarmi o di usare tamponi di alcol e dovevo cacciare e procacciarmi cibo con gli Hadza il più possibile – cosa che comprendeva l’entrare in contatto con le feci di bambino Hazda e di babbuino sparse ovunque.

Per aiutarci a registrare il viaggio sono stato accompagnato da Dan Saladino, intrepido presentatore e produttore del Food Propgramme di BBC Radio 4, che stava preparando uno speciale sul microbioma degli Hadza.

Dopo un lungo, faticoso volo verso l’aeroporto del Monte Kilimanjaro in Tanzania, abbiamo pernottato ad Arusha, una città nel nord del paese. Prima di partire la mattina successiva, ho prodotto il mio campione di riferimento di cacca.

Dopo un viaggio di otto ore in un Land Rover su vie sconnesse, siamo arrivati. Jeff ci ha chiamato in cima a una roccia enorme per assistere a un incredibile tramonto sul lago Eyasi. Qui, a un tiro di schioppo dal famoso sito fossile della Olduvai Gorge e con le splendide pianure del Serengeti in lontananza, Jeff ha spiegato che non saremmo mai stati più vicini a “casa”,come membri del genere Homo, di quanto eravamo in quel momento.


La dieta di milioni di anni

Gli Hadza cercano gli stessi animali e piante che gli esseri umani hanno cacciato e raccolto per milioni di anni. Cosa importante, il mix umano-microbico che si trova qui da secoli probabilmente ha modellato aspetti del nostro sistema immunitario e ci ha reso chi siamo oggi. Il significato di essere nella terra degli Hadza non mi sfuggiva.

A differenza degli Hadza, che dormono attorno al fuoco o in capanne erbose, mi è stata data una tenda e mi è stato detto di chioderla bene visto che c’erano scorpioni e serpenti. Ho dovuto stare attento a dove mettevo i piedi quando dovevo alzarmi per una pipì notturna. Dopo una notte interessante ma dal sonno discontinuo, per la mia colazione ho avuto un mucchio di frutti di baobab.

Il frutto del baobab è il fulcro della dieta Hadza, ricca di vitamine, grassi nei semi e, naturalmente, quantità significative di fibre. Eravamo circondati da alberi baobab che si allungavano in lontananza fino a dove arrivava l’occhio. I frutti di Baobab hanno un guscio duro come il cocco che si rompe facilmente per rivelare un frutto simile al gesso intorno a un grande seme ricco di grassi. Gli alti livelli di vitamina C fornivano un gusto inaspettato di agrumi.

Gli Hadza hanno mescolato i pezzi gessosi con acqua e li hanno sbattuti energicamente per due o tre minuti con un bastone fino a quando non hanno ottenuto un porridge spesso e lattiginoso che hanno filtrato – in qualche modo – in una tazza per la mia colazione. Era sorprendentemente piacevole e rinfrescante. Poiché non ero sicuro di cosa avrei mangiato il primo giorno, ho bevuto due tazze e all’improvviso mi sono sentito molto pieno.

I miei successivi spuntini sono state le bacche selvatichepresenti su molti alberi che circondavano il campo – le più comuni erano piccole bacche di Kongorobi. Queste bacche rinfrescanti e leggermente dolci hanno 20 volte la fibra e i polifenoli delle bacche coltivate – potente combustibile per il mio microbioma intestinale. Ho pranzato tardi con alcuni tuberi ad alto contenuto di fibra scavati con un bastone tagliente dalle donne e gettati sul fuoco. Questi ho fatto più fatica a mangiarli – erano come un sedano resistente e terroso. Non sono andato a provarne altri né avevo ancora fame, probabilmente a causa della mia prima colazione ad alto contenuto di fibra. Nessuno sembrava preoccupato per la cena.

Donne Hadza arrostiscono leggermente tuberi ricchi di amido e fibre. Jeff Leach

Poche ore dopo ci è stato chiesto di unirci a una battuta di caccia per trovare il porcospino – una rara delicatezza. Anche Jeff non aveva assaggiato questa creatura nei suoi quattro anni di attività sul campo.

Due porcospini 20 kg sono stati rintracciati nel loro sistema di tunnel in una montagna costruita dalle termiti. Dopo diverse ore a scavare, evitando con attenzione le spine affilatissime, i due porcospini alla fine sono stati trafitti e portati in superficie. Un fuoco è stato acceso. Le spine, la pelle e gli organi preziosi sono stati staccati in modo esperto e il cuore, il polmone e il fegato sono stati cotti e mangiati subito.

Un uomo Hadza torna al campo con uno dei porcospini cacciati sulla spalla. Jeff Leach

Il resto della grassa carcassa è stato riportato al campo per mangiarlo tutti assieme. Aveva un sapore molto simile a quello del maialino. Abbiamo avuto un menu simile nei successivi due giorni, con i piatti principali che includevano l’irace (o procavia) – uno strano animale peloso tipo maiale della Guinea ungulato, che pesa circa 4 kg.

Raccolto da un albero di baobab, il nostro dessert è stato il miglior miele color arancio dorato che potessi immaginare – con il bonus di un nido d’api pieno di grassi e proteine per via delle larve presenti. La combinazione di grassi e zuccheri ha reso il nostro dessert il cibo più denso di energia che si trovi in natura e potrebbe essere in competizione con il fuoco in termini di importanza evolutiva.

Ad Hadza-land nulla viene sprecato o ucciso inutilmente, ma mangiano una sorprendente varietà di specie vegetali e animali (circa 600, la maggior parte delle quali sono uccelli) rispetto a noi in Occidente. L’altra cosa che mi ha colpito è stato quanto poco tempo passassero a cercare cibo. Sembrava che bastassero poche ore al giorno – semplice come andare in giro per un grande supermercato. In qualsiasi direzione camminassi c’era cibo – per aria, per terra e sotto terra.


Incremento enorme della varietà del microbioma

Ventiquattro ore dopo Dan e io siamo tornati a Londra,lui con i suoi preziosi nastri audio e io con i miei preziosi campioni di cacca. Dopo averne prodotto alcuni altri, li ho mandati al laboratorio per farli testare.

I risultati hanno mostrato chiare differenze tra il mio campione di partenza e quello dopo tre giorni della mia dieta da procacciatore di cibo. La buona notizia è stata la mia varietà microbica intestinale è aumentata di un incredibile 20%, compresi alcuni microbi africani completamente nuovi, come quelli del phylum Synergistetes.

Le cattive notizie sono state che, dopo pochi giorni, i miei microbi intestinali erano tornati praticamente a dove stavano prima del viaggio. Ma avevamo imparato qualcosa di importante. Per quanto buona possa essere la nostra dieta e la nostra salute intestinale, non sarà mai buona come quella dei nostri antenati. Tutti dovrebbero fare lo sforzo per migliorare la salute del loro intestino rivedendo la loro dieta e il loro stile di vita in un senso più “selvatico”. Essere più avventurosi nella routine alimentare e riconnettersi con la natura e con la sua vita microbiale associata, potrebbe essere ciò di cui abbiamo bisogno.

*Docente di epidemiologia genetica, King’s College, Londra
**Assistente, King’s College, Londra


Questo articolo è tradotto da The ConversationPer leggerlo in lingua originale vai qui

mercoledì 28 giugno 2017

FORTE VILLAGE RESORT

Da Giugno ad Agosto, l'attività di consulenza presso lo studio di Napoli, sarà interrotta. I consulti riprenderanno previo appuntamento e lista d'attesa a Settembre.
L'attività di Consulenza sarà effettuata per i suddetti periodi al Performance Center - ACQUAFORTE SPA, presso il Forte Village - www.fortevillageresort.com/ - Pula (CA).
Per qualsiasi informazione, potete contattarmi via email o telefono.

Presso lo studio di Napoli, sarà sempre attivo, sotto la mia direzione, l'attività di Nutrizione, Podologia Posturale ed Osteopatia per tutto il mese di Giugno e Luglio.